giovedì 3 marzo 2011

Rallentare l'invecchiamento? E’ possibile


Nonostante siamo tutti vittime dell’invecchiamento, nessuno ha dimostrato, fino a oggi, che abbiamo bisogno di lui. Il grande vantaggio del corpo meccanico quantistico è che esso non invecchia, una qualità che appartiene a ogni livello quantico della natura. I protoni e neutroni non invecchiano,  l’elettricità o la gravità. La vita, che consiste di queste particelle e delle forze fondamentali, è estremamente durevole. Il suo DNA è rimasto quasi lo stesso per almeno 600 milioni di anni.   
Per quanto riguarda i suoi legami chimici, il DNA non è legato più saldamente che una forma o una particella di polline. Si potrebbe pensar che questa manciata di atomi così sciolti, si fossero sbriciolati nel tempo, come un vecchio arazzo. Senza dubbio, le forze che si oppongono alla sopravvivenza del DNA sono immense: la stanchezza e la fatica fisica, le mutazioni casuali distruttive, l'invasione dei microbi concorrenti e, soprattutto, l'entropia - la tendenza naturale dell'universo fisico a diminuire l'attività fino a smettere completamente, come un orologio senza carica. Se l'intelligenza intrinseca del DNA è così potente, sfidando il tempo e gli elementi da così tanti secoli, l'invecchiamento non sembra, in alcun modo, essere una cosa naturale.

Quindi, la domanda è: Abbiamo bisogno di invecchiare? 
Gli antichi saggi, famosi per la loro longevità, ritenevano l'invecchiamento un "errore dell'intelletto" (in sanscrito, aparadha Pragya). Questo errore è quello delle persone identificarsi soltanto con il corpo fisico.
La consapevolezza fa una differenza enorme nel processo di invecchiamento, perché sebbene tutte le specie superiori invecchino, soltanto gli esseri umani sono in grado di sapere cosa sta accadendo a loro, e di tradurre ciò che sanno del proprio invecchiamento. 

La disperazione per l’invecchiamento ti fa invecchiare più rapidamente, accettando invece l'invecchiamento eviti molte sofferenze, sia fisica sia mentale. 
La Paura fa invecchiare
La nostra paura di invecchiare e la nostra profonda convinzione che siamo destinati a diventare vecchi, sono la causa del proprio invecchiamento, una profezia che si realizza dal fatto che sia stata formulata e che è stata generata da un’auto-immagine distruttiva. Per uscire da questa prigione, si deve invertire le credenze sostenute dalla paura. Invece di credere che il corpo degeneri nel corso del tempo, dobbiamo alimentare la convinzione che si tratta di un corpo nuovo ogni minuto. Invece di credere che il corpo sia una macchina senza una mente, nutrire la convinzione che egli è imbevuto da una profonda intelligenza della vita, il cui unico scopo è quello di sostenerci. Queste nuove credenze non sono solo più piacevole da vivere, sono vere - noi sperimentiamo la gioia della vita attraverso i nostri corpi, così è naturale credere che i nostri corpi non siano dirette contro di noi, ma che vuole quello che vogliamo. 
Anche se sembra che siamo individui distinti, siamo tutti collegati a modelli di intelligenza che governano il cosmo, noi e il nostro ambiente sono una sola cosa. Guardando te stesso, ti accorgi che il tuo corpo finisce a un certo punto, si è separato dalla parete della vostra camera o da un albero all'aperto da uno spazio vuoto. In termini quantistici, tuttavia, la distanza tra "solido" e "vuoto" è trascurabile. Ogni centimetro cubo di spazio quantico è pieno di una quantità di energia pressoché infinita, e la più piccola delle vibrazioni è parte dei vasti campi di vibrazione che uniscono intere galassie: ad ogni inspirazione si respira centinaia di milioni di atomi d'aria che sono state esalate da qualcuno in Cina, per dire. Tutto l’ossigeno, l’acqua e la luce del sole intorno a noi sono quasi indistinguibili da ciò che è dentro al nostro interiore. Se lo si desidera, si può provare a sentire in uno stato di unità con tutto ciò che entra in contatto. In stato di veglia normale, si può toccare con un dito su una rosa e sentirla come solida, ma in realtà, un fascio di energia e informazione - il dito - sta entrando in contatto con un altro fascio di energia e informazione - la rosa. Il dito e la cosa in cui si tocca sono soltanto affioramenti minimi del campo infinito di cui chiamiamo l'Universo. 
Sensualità e spiritualità 

La spiritualità non è destinata ad essere separata dal corpo. Malattie e invecchiamento rappresentano l'incapacità del corpo di raggiungere il suo obiettivo naturale, ovvero, unirsi alla mente con perfezione e compimento. In ogni fase di crescita spirituale, il più grande alleato che hai è il corpo. Ciò vi sorprende? La grande maggioranza di noi suppone che il corpo e lo spirito occupano lati opposti dello spettro. 
Quando abbiamo sensazioni che sono centrate sul corpo, come la fame e la sete, il dolore e il piacere, non li consideriamo esperienze spirituali. La sensualità, che copre l'intera gamma di piacere fisico, è spesso considerata molto al di sotto le vette che l'anima può raggiungere. Ma la spiritualità deve essere anche sensuale, poiché una persona spirituale è colei che vive totalmente nel momento presente, il che significa vivere pienamente nel corpo. 
Meditazione - l'antidoto alla vecchiaia 

Associazione tra anti-invecchiamento e la meditazione è molto importante, ma le implicazioni vanno ancora più in profondità. 
 
L'Ayurveda Maharishi ci ha ispirato a accettare il fatto che la meditazione da utilizzare come risorsa per sconfiggere l'invecchiamento è un obiettivo spirituale legittimo. 
Purtroppo, la nostra cultura ha commesso l'errore di decidere che il corpo umano è una macchina, un sacco di materia che funziona senza intelligenza propria. Questo fraintendimento porta ad un secondo errore - che le persone più spirituali dovrebbero essere quelle che rinunciano al corpo, che negano la loro passione, o almeno cercano di controllare i loro desideri. Questo tipo di pregiudizio nei confronti del corpo è contrario al modo come la natura ci ha creato. La natura ha equilibrato il corpo, la mente e lo spirito come coautori di nostra realtà personale. Dalla passione alla preghiera o anche metabolizzare una molecola di saccarina, non possiamo fare assolutamente niente senza incidere tutto quello che siamo noi.
 Il corpo è la piattaforma che permette che ogni esperienza nasca e veda la luce del giorno, è una proiezione tridimensionale di miliardi di processi separati che si svolgono in ogni momento, ed è anche un processo così profondo, quanto venire a conoscere la realtà di Dio. 

Nella nostra società, le persone patiscono la sensazione di che lo spirito è sostanzialmente separato da loro. I nostri corpi processano perfettamente nutrienti, aria e acqua anche senza lo spirito; le nostre menti pensano circa un milione di cose in modo efficace, senza toccare lo spirito. Troviamo facile lasciare da parte la vita spirituale, in attesa del giorno in cui avvenga quel balzo che ci tolga di questa vita ordinaria per portarci a un regno glorioso. Ogni aspetto della realtà è parte di un mistero, uno sfaccettato set, la totalità di quello che è. Atomi, molecole, le rocce, le stelle e il corpo umano sono le espressioni materiali di ciò che è. La comprensione e l'amore sono espressioni spirituali. 
Quando le dimensioni fisiche, psicologiche e spirituali si equilibrano, la vita diventa un top, l'unione che genera sensazioni di comfort e sicurezza. Solo sentendosi sicuro del suo posto nell'universo si potrà cominciare ad affrontare il fatto di essere costantemente circondato dalla creazione e dalla distruzione. Non si può battere l'entropia con la forza fisica, ma si può salire a un livello di realizzazione irraggiungibile dall’entropia. A livello più profondo, l'intelligenza è immune al decadimento. L'intelligenza rivoluzionaria esistente nel DNA ha molti livelli e il nostro compito, come esseri umani, è esperimentare ciascun di questi livelli e renderli parte di noi. 
Fonte: corpo senza età, mente senza Frontiere - Deepak 



Nessun commento: