domenica 31 gennaio 2016

A riqueza é uma realidade mental



Da mesma forma em que o organismo, quando doente, procura a regeneração da saúde, assim também acontece quando a qualidade da nossa vida tende a adoecer. Desencadeia um natural mecanismo de auto-regeneração para restabelecer a condição do bem-estar mental e material. O fato de que, no caso da nossa prosperidade, isso não acontece frequentemente, é por causa dos nossos principios, convicções, crenças, adquiridos com o passar dos anos, que fazem obstáculo ao natural fluir do processo, se cristalizando em uma fase em que parece que o destino está sempre contra nós. O que precisamos é “recordar” de Quem Somos e nos apropriarmos das risorsas que já possuimos, alinhando nossas vidas com aquilo que somos desde sempre.

A Prosperidade è uma condição natural do Ser.

Isso significa que NÃO existe escassez, NÃO esistem crises, NÃO existem dificuldades, nem guerras, que possam impedir de se criar mais e mais riquezas, porque, antes de tudo, a riqueza é uma realidade mental. Essa dimensão mental é tão verdadeira quanto as letras dessas palavras que você está lendo aqui, ou como os objetos que se encontram em sua frente. Tudo são coisas que, antes de se manifestarem materialmente, foram pensadas, elaboradas, estudadas, projetadas e todas estas coisas nasceram de um pensamento associado a uma emoção, a estados de espirito que permitiram o salto dimensional para o plano material.
Por que, então, a maior parte das pessoas não consegue materializar seus pensamentos e desejos? A resposta está no processo SER-FAZER-TER.
Se você compreender esse simples processo, você verá se abrir infinitas possibilidades em todos os campos da sua vida.

Essa é a sintese, a estratégia, o procedimento das pessoas de sucesso de todos os tempos. SER-FAZER-TER. É um modo de operar e raciocinar que cria, não somente riqueza no plano co-criativo que se manifestará no plano material, sob forma de dinheiro e bens materiais, mas, também, no plano mental e espiritual, desenvolvendo um maior carisma pessoal, satisfação e um bem-estar que dura no tempo.
Então, o porque da maior parte das pessoas não obter o sucesso esperado ou a não manifestação material dos seus desejos, é simplesmente porque adota esses três elementos na forma inversa: HAVER-FAZER-SER. “Quando eu TIVER… vou FAZER… e entao vou SER assim ou assado!” Ledo engano. As leis naturais que colaboram para a manifestação material dos nossos pensamentos, funcionam aplicando os seus principios a nivel do SER que nos leva a agir (FAZER) e a ação se manifesta como resultados (HAVER).
Se não for usado nessa ordem, não funcionará por longo tempo, mesmo que você ganhe grande soma na loteria ou obtenha uma herança improvisa.

As pessoas se sentem realizadas porque “possuem”, mas sendo o SER quem produz e mantém a riqueza, o processo tende a se exaurir, tão rapidamente quanto foi obtido.
Crie pensamentos de abundância, antes de tudo, na tua mente. Pense na riqueza como parte de você mesmo, como uma energia vital, tal como é a energia da qual você é feito!
Usando uma postura mental de pessoa rica que você já é, desde seu nascimento, a manifestação material será uma consequência, não o contrário, e seja sempre grato pela riqueza dos outros.
Aspirações, desejos e uma relação harmoniosa, constantemente e persistentemente mantidos na mente, produzem resultados surpreendentes. Inveja, criticas depreciativas àqueles que são ricos e lamentações por ser pobre, não fazem parte da harmonia universal.

Para ser sintonizado com a Verdade Eterna, devemos ter equilibrio e harmonia interior. O pensamento é um produto da MENTE e a mente é criativa, mas isso não quer dizer que o Universal irá mudar o seu modus operandi para se adaptar a nós ou às nossas idéias, mas significa que, através de pensamentos sãos, nós podemos alcançar um relacionamento harmonioso com o Universal, e quando realizamos isso, podemos pedir QUALQUER coisa a que temos direito, e a forma de obtenção nos será clara e inconfundível.

Se torne rico, é esse o melhor meio de ajudar quem é pobre
A harmonia está, também, em você não fazer um exame atento da pobreza. As coisas não são criadas, pensando no seu contrário. Nunca será possível obter boa saúde, estudando e pensando na doença; e ninguém pode se tornar rico estudando e pensando na pobreza. Não fale de pobreza, não a analize, nem se preocupe com ela. Não se interesse pelas suas causas; não tem nada a ver com você. O que lhe interessa é a cura. Não passe o seu tempo se preocupando com obras de caridade ou de movimentos de beneficência; toda beneficência tende, unicamente, a perpetuar a mesma miséria que mira extirpar.

Não estou dizendo que você deve ser duro de coração e inclemente, deixando de ouvir o grito do necessitado, mas não deve procurar extirpar a pobreza de modo tradicional. Deixe para trás a pobreza, deixe para trás tudo aquilo que se refere a ela e faça fortuna. Se torne rico; é esse o melhor meio de ajudar quem é pobre. Você nunca poderá manter a imagem mental que fará com que se torne rico, se continuar a encher a mente com imagem de pobreza. Não leia livros ou jornais que forneçam resumos circunstanciados da miséria em que vivem os habitantes das favelas, ou dos horrores do trabalho de exploração de menores etc. Não leia nada que encha sua mente de imagens tristes de pobreza e sofrimento. Você não pode ajudar, em absoluto, os pobres, assimilando essas coisas; e a difusão de tais coisas não tendem de maneira nenhuma, a eliminar a pobreza. O que tende a eliminar a pobreza não é encher a mente dos pobres de imagens de pobreza, mas sim, de inserir imagens de riqueza na mente deles. Você não os está abandonando à miséria, quando não permite que a sua mente se encha de imagens daquela miséria. A pobreza poderá ser banida, não aumentando o número de pessoas ricas que pensam à pobreza, mas aumentando o número de pessoas pobres que se propõem, com fé, em se tornarem ricas. Os pobres não necessitam de caridade; eles precisam de inspiração. A beneficência dão a eles somente um pedaço de pão para mantê-los em vida na mesma miséria, ou oferece a eles um pouco de divertimento para distraíi-los por uma hora ou duas; mas a inspiração os farà emerger da miséria.

Se quiser ajudar os pobres, demonstrem a eles que podem se tornar ricos; dêem provas para eles, através do seu exemplo, se tornando rico, você mesmo. O único modo em que a pobreza poderá ser banida desse mundo, para sempre, é criar um vasto número, e em contínuo aumento, de pessoas que colocam em prática, esses ensinos. Às pessoas necessitadas, ensine-as a se tornarem ricas, através da criação, não através da competição. Cada pessoa que fica rica através da competição, faz cair atrás de si, a escada em que subiu, mantendo os outros em baixo; mas cada pessoa que fica rico através da criação, abre uma estrada por onde milhares de pessoas o possam seguir, e inspira essas pessoas a imitá-lo.
Não desperdice sua força de vontade para modificar ou obter o que pertence já a outros; a energia do seu pensamento tem o poder de criar turo o que você desejar. Use a sua força de vontade, sobre a visualização daquilo que deseja e, como por magia, se materializarà na sua experiência.
 Leia mais: Criando Abundância A Luta pela Sobrevivência énecessaria, ou é uma falsa crença? -(Capítulo XIII) 


Fonte: T. Harv Eker

lunedì 25 gennaio 2016

Sorprendente! Non esiste un cervello unico dentro l’Essere Umano ma ben tre.



La mente Umana è complessa. Possiamo dire che il cervello viene studiato da anni, ma nella modalità 3D. Così, vediamo la mente Umana come un rapido scambio sinaptico funzionale alla sopravvivenza. Il cervello ci dona la sopravvivenza, ci dona l’intuito e l’acume mentale, e tutte le funzioni coordinate del corpo, tutto quanto. Si può dire che regga il timone della vita. Tutto quello che abbiamo studiato, indicava che il cervello è al comando, è il centro della coscienza e di tutto ciò che è Umano. Ma il concetto sorprendente che vedete qui è che non esiste un cervello unico dentro dell’Essere Umano ma sì tre.

Un viaggio metaforico
"Conosciamo bene un computer e le sue operazioni per noi oggi sono cose normali. Immaginiamo di avere un viaggiatore del passato di cent’anni fa che, avvicinandosi al computer, rimane stupito da ciò che vede. Diciamo che non potete comunicare con lui ma solo mostrargli il computer. Così, pur senza spiegazioni, senza aiuto e senza che voi possiate parlargli, egli vede e percepisce la magia di ciò che il computer può fare. Sa leggere sullo schermo e può interfacciarsi tentando di capire cos’è il mouse e come funziona. Inizia a premere dei tasti e vede delle cose incredibili! “Questa scatola fa cose che nessuno, a casa sua, potrebbe credere! Il futuro è sorprendente!” E si meraviglia dell’immensità di tutto questo. Scopre Google, ma non ha idea del concetto. Ha il mondo sulla punta delle dita, tutto in una scatola. È esaltante pensare a questo potere d’informazione e di azione. Non c’è niente che il computer non sappia! Nella scatola ci sono tutte le lingue del mondo. Ogni informazione che voglia conoscere, su qualsiasi cosa, è nella scatola! Tutto! Poi, scopre che è anche uno strumento di comunicazione!
Si può inviare un messaggio a chiunque, in ogni parte del mondo! Questo è sorprendente oltre ogni immaginazione!
Alla fine, egli esce da questa esperienza con una percezione concreta di ciò che ha visto con i propri occhi!
Nel tornare alla sua macchina del tempo, non vede l’ora di raccontare alla sua generazione di cent’anni fa quello che ha visto, della tecnologia e di una scatola che fa tutto e comunica con tutti. È come se tutte le biblioteche del mondo fossero tutte insieme in una scatolina: tutte le lingue, tutte le enciclopedie possibili e qualunque domanda che si possa formulare. Si sa di tutti i dettagli di ogni individuo conosciuto nel corso della storia e tutto questo in un’unica scatola, ed è a disposizione di ogni Essere Umano. Ciò che l’uomo antico ha percepito senza alcuna spiegazione può essere concreto e logico, però ha una lacuna.

La connessione nascosta
Voi sapete, però, che c’è di più, no? Sapete che la “scatola” è connessa a Internet. Se scollegate il computer dalla rete, sarà soltanto uno strumento di elaborazione dati. Semplicemente elabora. Oh, magari potete scrivere una lettera, magari creare un foglio elettronico, ma non potete chiedergli nulla, perché non è connesso!

Ciò che quella persona del passato non capiva, né poteva anche solo concepire, era il World Wide Web – (WWW). Non vedeva il piccolo cavo inserito nella base del computer che gli dava la magica capacità di sapere tutto. Anche se avesse visto il cavo, per quel che ne sapeva, non avrebbe avuto alcun significato. Per lui era la scatola a fare tutto. Lo aveva visto lui stesso!
Ora, torniamo al cervello. In questi anni, tutto ciò che avevate da esaminare, come Umani, è quello che credete essere il meraviglioso, magico cervello. Voi non sapete della connessione del cervello a un’Internet multidimensionale, che è dentro il corpo. Come potreste saperlo?

l cervello umano
Il vostro cervello è un meraviglioso computer chimico e sinaptico. Lasciatemi specificare meglio: la sinapsi di cui parliamo è il processo attivo di segnali elettromagnetici che scorrono lungo le vie della matrice neurale (vie e gangli nervosi strutturati), all’interno del cervello. Ciò avviene da un punto di giunzione all’altro alla velocità della luce. Questo controlla la vostra sopravvivenza, il vostro corpo e i vostri pensieri nella terza dimensione (3D).

Il pensiero espanso, per come lo conoscete voi, è collegato al cervello. Avete guardato il cervello e avete detto: «Questa è l’area creativa. È responsabile della musica, dell’arte, della poesia, della scultura e dell’intelletto.» Voi dite questo perché non avete mai visto il cavo, vero?

E qui c’è la grande sorpresa!
Il cervello non ha niente a che vedere con la creazione di quelle cose. Piuttosto, le agevola! Le agevola, ma non ne è responsabile. Così come la scatola della metafora è la stazione di controllo della rete, il vostro cervello è la stazione di controllo di molto, molto di più. Queste cose sembrano provenire dalla scatola che è il vostro cervello. Ma non è così.
Molto di ciò che ritenete creativo e/o spirituale, comprese le canalizzazioni, provengono dalla connessione tra la pineale con la parte della vostra coscienza che chiamate Sé Superiore che, a sua volta è connesso alla Fonte Creatrice. Questo comprende la vostra parte intuitiva che sta crescendo con la vostra evoluzione spirituale. Potete chiamare come vi pare, ma la creatività, le invenzioni e le scoperte provengono dalla connessione tra la Fonte Creativa e il cervello. È lì e qualcuno la usa bene. Altri no. Si spalanca solo per libera scelta e quelli che creano cose incredibili sono semplicemente connessi alla rete, alla pineale. Tuttavia, voi lo vedete come se avvenisse nel cervello, vero?
Il cavo invisibile che non riuscite a vedere, lo strato che non riconoscete dentro il cervello, è la connessione con l’esterno che molti di voi stanno iniziando a riconoscere e a percepire. Il cervello agevola queste caratteristiche, ma non le crea. L’intuito non viene dal cervello, ma il cervello lo facilita e, poi, lo manifesta in quello che chiamate pensiero. Potete vederlo nei grafici della termografia, insieme a tutte le cose che, secondo voi, sono le sinapsi che avvengono nel cervello, quando invece il cervello sta semplicemente elaborando ciò che riceve da un’altra parte.

Se scollegate il cavo dalla rete, tutto ciò che il cervello potrà fare per voi è continuare a farvi respirare e darvi il pensiero di base per sopravvivere. Potrete fuggire dalla tigre del Bengala così che non vi sbrani. Potrete coltivare il cibo, avere figli e imparare come guidare l’auto, ma non comporrà musica e non creerà una scultura. Non pensa spontaneamente a Dio! Non analizza se stesso. Ma, quando è collegato, fa tutte queste cose.

Le Tre Parti
Qui c’è più di ciò che pensate da essere considerato
In questa energia tridimensionale, voi vedete solo un organo che ritenete responsabile di tutto ciò che fate ma, in realtà, ce ne sono tre parti nel cervello dell’Essere Umano ma voi ne conoscete solo due. Il secondo cervello dell’Essere Umano, che è elaborato dalla parte sinaptica (la scatola del cervello), è la pineale. È responsabile del pensiero creativo, dell’intuizione e della consapevolezza intellettuale. Nell’umanità sta iniziando a crescere l’intuizione, e proviene da quello che è l’Innato nel corpo. Sta diventando più intelligente e fornisce al vostro cervello più cose da elaborare a una frequenza e con una forza maggiore man mano che vi evolvete. Sta iniziando anche a darvi informazioni akashiche (ricordi di vite passate). Si può dire che l’Internet della vostra pineale sta diventando più veloce e il vostro cervello l’elabora. Voi percepite che state intuitivamente diventando più consapevoli delle cose.
Il ponte tra la coscienza Umana e il corpo intelligente, l’Innato, sta iniziando a maturare e a crescere. State uscendo dalla modalità di pura sopravvivenza, e molti stanno cominciando a risvegliarsi a una verità più grande. Nell’Essere Umano tutto questo viene accentuato al punto che gli Umani penseranno: «Il cervello sta migliorando!» Non è così. Il cervello rimane il cervello ed elaborerà meglio l’intuito proveniente dalla pineale. Il cervello resta un organo di sopravvivenza fantastico, ma sarà l’intuito a diventare sempre più forte. Ripeto il vostro Internet spirituale si sta velocizzando.

Il terzo cervello
Vi abbiamo già detto che è in atto un mistero che coinvolge il cuore Umano che è la terza parte del cervello. La scienza non ha mai capito perché il cuore abbia un campo magnetico di tale portata. Di fatto, è più grande di quello di qualsiasi altro organo, compreso quello del cervello con tutta la sua attività sinaptica. Il cuore lo supera per molti versi, eppure l’analisi del cuore fisico fornirà informazioni apparentemente molto banali. Il cuore, semplicemente, pompa il sangue a un ritmo specifico secondo i segnali inviati dal cervello. Eppure c’è molto di più.
Quando, per un incidente, avviene una frattura a livello del midollo spinale, il cuore continua a pompare. I segnali cerebrali che si presume ne debbano controllare il ritmo vengono interrotti. I segnali non ci sono più, eppure il cuore continua a battere. E non solo lui, ma anche la digestione continua, la funzione epatica continua, il pancreas e gli altri organi continuano, persino la riproduzione! Tutto quanto, senza il cervello.

C’è un terzo elemento di coscienza ed è centrato all’interno del cuore Umano. Metaforicamente, avete identificato il cuore come simbolo dell’amore e avete ragione. Queste tre parti della coscienza Umana vanno molto al di là del cervello come organo. È la triade della sopravvivenza. Essa è rappresentata anche dall’energia del tre (numerologia), che vedete ovunque nella storia spirituale. Sono i tre cavalli che trainavano il carro dell’ascensione, la Merkabah di Elia. È la triade divina di molte chiese (Padre, Figlio, Spirito Santo). Nel vostro corpo, sono la pineale (intuizione creatrice), il cervello (sopravvivenza) e il cuore (compassione).

I maestri di questo pianeta li avevano tutti e tre ben funzionanti, ma nella vecchia energia voi non l’avevate, eravate in modalità sopravvivenza. Quello che sta succedendo è che vi state evolvendo e l’Innato del corpo si sta rafforzando. Il DNA comincia a essere più efficiente e queste parti stanno finalmente iniziando a connettersi. Ciò che separa un Essere Umano nella modalità di sopravvivenza da un maestro è la compassione intuitiva. La compassione è generata nel cuore e non è una metafora. Fa parte del cuore-cervello.
In questa triade ci sono cose che dovete comprendere. Unite i puntini e cominciate a usare la scienza per scoprire e riconoscere che ci sono cose che non sono visibili in qualsiasi spettro che siete in grado di misurare. Ma solo perché al momento siete ciechi a esse, non significa che non stiano accadendo. Semplicemente non avete ancora scoperto tutto, ma il progresso della fisica multidimensionale aiuterà. Ascoltate, nelle nuove invenzioni della fisica in arrivo dovrete includere anche la biologia! Non separate le due scienze (come lo sono adesso). Avrete un’idea migliore della verità di tutto questo quando riuscirete a mappare l’emozione, il pensiero e il comportamento Umano in modo quantico. Sarà subito evidente.

Il cervello è responsabile dell’agevolazione (coordinazione) di tutte e tre queste parti, ma sappiate che le altre due stanno facendo buona parte del lavoro. L’intuito e la compassione sembreranno sempre provenire direttamente dal cervello, proprio come quell’uomo del passato che pensava che la magia provenisse dalla scatola. Connettetevi con un quadro più ampio, miei cari. La triade della coscienza Umana è l’inizio della realizzazione della maestria.
È qualcosa che dovete digerire nella vostra logica e spiritualità, no? Pensateci e chiedete al vostro intuito: «È vero? È possibile che il cervello Umano sia solo un facilitatore di qualcosa di più grande?» Queste informazioni iniziano a spiegare alcune misurazioni che non siete mai riusciti a spiegare prima con le credenze convenzionali sulla biologia. Iniziano a spiegare come mai, quando un Essere Umano prende certe decisioni, all’improvviso sembra che il cervello controlli meglio il corpo. Come mai la salute del corpo può cambiare repentinamente, guarire se stessa, chiedere un tipo diverso di cibo e avere una saggezza biologica? Che cosa provoca la remissione spontanea? Miei cari, se non foste connessi, non avreste niente di tutto questo. Pensateci: il cervello non vi ha dato niente di tutto ciò. Il cervello ha semplicemente facilitato la connessione tramite quel piccolo cavo: la Fonte Creatrice.
È tempo che conosciate il quadro più ampio della triade, la trilogia della creazione nell’Essere Umano". Kryon
Da Leggere: La cellula invecchia perché non riceve informazione della nostra coscienza!

lunedì 18 gennaio 2016

Le Leggi della Fisica sono Sei e non Quattro!


Tradizionalmente, il fisico moderno ha elencato quattro interazioni fondamentali per le leggi della fisica, che sono: la gravità, l'elettromagnetismo, la forza nucleare debole e la forza forte. Qui, però, alcuni fisici e matematici troveranno alcune sfide molto interessanti e opportune con cui confrontarsi!

“Tutto ciò che i vostri scienziati hanno visto in fisica, avviene in coppia. Al momento, ci sono quattro leggi della fisica, nel vostro paradigma tridimensionale. Esse rappresentano due coppie di tipi di energia. La gravità, conosciuta come una forza debole, e l’elettromagnetismo, come una forza forte.
Anche quello che chiamate un buco nero nel centro della vostra galassia non è una cosa singola. È una dualità.
La capacità di osservare dei modelli quantici porterà a un’importante scoperta della fisica: la scoperta di altre due leggi. Queste leggi, sono la forza debole e forte multidimensionali. Si potrebbe dire che è un’energia con due parti – una forza quantica debole e una forte. Queste porteranno le leggi della fisica conosciute a sei e introdurranno il concetto di leggi multidimensionali. Queste due leggi mancanti daranno inizio alla spiegazione di quel che oggi è un mistero: l’energia mancante del cosmo. Sarà anche l’inizio della comprensione di una spiritualità nella fisica.
Queste due nuove leggi spiegheranno completamente l’energia che vedete nell’Universo e nella vostra galassia. La fisica della vostra galassia non è necessariamente la fisica di tutte le galassie. Il mio consiglio, quindi, è di circoscrivere ciò che conoscete e il vostro studio alla vostra galassia. Credetemi, c’è tantissimo da osservare in essa!

A cosa vi porteranno le altre due leggi?
Innanzitutto, a una spiegazione di cosa sia la materia oscura presente nella vastità dello spazio. In passato, la materia oscura era vista come una grandissima energia (in base all’azione che aveva sulle cose intorno), ma è stata erroneamente etichettata come facente parte del sistema 4D newtoniano, cosa che non è.
L’aspetto quantico dell’elemento multidimensionale dell’atomo non è stato ancora compreso. Lì vi è energia, una straordinaria energia, e il suo riconoscimento spiegherà ciò che gli astronomi osservano nello spazio come materia oscura.

Le vostre leggi sugli oggetti in movimento sono condizionate da un pregiudizio 3D di consistenza. La scienza cerca leggi empiriche per trovare che quello che lei crede vero, sia valido per tutto quanto. Ciò che invece gli scienziati non capiscono è che questo è un preconcetto. Funziona solo in un senso… nelle 3D. Se applicate le regole soltanto su un campo, quello del tempo, potete applicare la matematica lineare e da lì scoprire quel che vi serve. Tutto è in linea retta, va tutto in avanti, non cambia mai, sempre uguale. Si potrebbe dire che la vostra scienza tende a una coerenza semplice!
Il vostro sistema solare funziona come vi aspettate. Nel tipo di fisica che avete applicato a come si muovono le cose nello spazio, gli oggetti che sono più vicini al sole, per esempio Mercurio, si muovono più velocemente. Poi ci sono oggetti ben distanti dal sole che si muovono più lentamente (i pianeti esterni), qui entrano in gioco le leggi della meccanica orbitale. La distanza dal sole si sviluppa nelle leggi 3D della meccanica orbitale che si basa sulle regole che avete scoperto sulla gravità, la massa, la distanza e la velocità. E queste regole sono corrette… per le 3D. Questo vi permette di inviare veicoli spaziali verso i pianeti, essere molto precisi, far sì che se incontrino in orbita, raccogliere delle immagini e analizzarle.

Ogni galassia ha un sistema attrazione/repulsione nel suo centro. Si tratta di un’energia gemella ma vedete una soltanto. Siete convinti che sia invisibile, un buco nero. La luce non gli sfugge, e pensate che sia singolo, una sola cosa... come siete tridimensionali! Non è una cosa singola. Piuttosto si tratta di una bellissima cruna di un ago.
Ora ascoltate. Avendo iniziato a mappare l'universo, avete visto come le galassie sono disposte veramente, saprete già che non sono disposte in modo casuale. Non è interessante? Quello che voi chiamate il Big Bang non dovrebbe essere distribuiti dappertutto alla rinfusa quasi dal nulla? Allora, perché c'è uno schema? Questa è la parte più bella, caro essere umano. C'è uno schema nel caos apparente di quell’evento interdimensionale che fu il Big Bang. Come abbiamo già detto, il Big Bang fu in realtà una grande collisione interdimensionale con un'altra forza interdimensionale. L’interdimensionalità sembra un caos che cela un modello.

L'energia mancante dell'universo
Visualizzate con me per un momento, un ago e un filo gigante. Trascorrete due fili attraverso di esso. Uno entra nel buco nero e l’altro ne esce. Questi fili sono stringhe di forza interdimensionale che poi si collegano con altre galassie, passando da una parte all’altra nel loro centro, il doppio foro di due buchi neri. Un’attrazione e una repulsione – una forza interdimensionale, di cui ancora non siete consapevoli, s’infila tra l’una e l’altra galassia. Ora, immaginate nella vostra mente questa trapuntatura con una simmetria e uno scopo. Se poteste guardare nel suo centro, al centro dell'universo, da una certa angolatura, si vedrebbe la simmetria di un mandala. Le galassie sono meravigliosamente unite in una danza elegante. La simmetria ha senso ed è su base-12. Vi sfidiamo a trovarla. E quelli che sembrano filamenti che entrano ed escono dal centro delle galassie, con queste nuove forze appena descritte, sono un reticolo. E’ un reticolo con simmetria e proposito... il reticolo cosmico. E’ bellissimo ed è l'energia mancante dell'universo, com’è vista da chi la cerca. La materia oscura che tutti cercano non si trova negli spazi vuoti tra le cose. Si trova nei filamenti delle forze interdimensionali tra le galassie, appositamente messa lì. Oh, è un meraviglioso sistema. Volete che la materia oscura abbia senso nelle 3D, ma non è possibile perché riguarda due forze interdimensionali dell'universo che sono quantiche, e dunque fuori dal tempo e dalla previsione delle vostre formule 3D.

Ora, guardate per un momento con me… non è così che si muove la vostra galassia. È un moto elegante che sfida la legge dell’inverso del quadrato (la legge che definisce come l’energia si disperde secondo la distanza dalla sua sorgente). Sfida le leggi fondamentali della gravità e della forza. Sfida le semplici e preconcette caratteristiche di come le cose si muovono nello spazio. Osservate con me la vostra galassia. Osservate la sua rotazione. Sembra come posata su un vassoio. Tutto si muove insieme. Tutto! Tutto ruota alla stessa velocità rispetto al centro… come una gigantesca ruota tutta collegata. Questo gigantesco vassoio si comporta come se tutte le stelle fossero dei semplici sassolini, in qualche modo incollati allo stesso tessuto dello spazio, muovendosi tutte insieme.              
Com’è possibile? Che cosa vedete? Lasciate che vi dia un indizio e un suggerimento: abbiamo parlato delle forze interdimensionali deboli e forte, quelle leggi cinque e sei della fisica che non sono ancora state scoperte. Il modo in cui si muove la vostra galassia dipende da ciò che al centro della galassia manifesta queste forze. Voi pensate che sia un buco nero, ma non lo è. È molto più di quanto potreste immaginare. Avete notato che in fisica c’è sempre la polarità? Dalla più piccola alla più grande struttura atomica, la polarità è sempre presente. Lo vedete anche nel magnetismo. Si cela anche nella gravità. È un punto fisso dell’energia che c’è dappertutto, dappertutto. Ci sono sempre due tipi di energia che agiscono una contro l’altra e nel frattempo insieme, per creare la realtà dimensionale. La materia è una polarità della realtà, e l’anti-materia è l’altra. Cercate sempre “la repulsione e l’attrazione”, perché questo vi mostrerà come rispondere alle questioni più sconcertanti della fisica.
Nel centro di ogni galassia ci sono “due gemelli”. Anche nel centro della Via Lattea ci sono due gemelli. Avete due energie: una spinge e l’altra attrae. Voi, tuttavia, vedete la cosa come un unico gigantesco Buco Nero. Presumete che la gravità del Buco Nero in qualche modo, afferri la spirale galattica facendola girare tutta insieme su se stessa, in quel modo insolito che viola tutte le leggi di Newton. Non è così. Quel che succede nel centro della vostra galassia è stupendo. È un’elegante forza interdimensionale che non è la gravità, è una forza che si estende all’intera regione galattica, una forza che la tiene insieme come una colla, e voi non avete una legge che la spieghi… ancora. Inoltre, si nasconde una cosa con cui la scienza sta iniziando a confrontarsi soltanto ora. Tutta questa spiegazione serve per definire un punto di partenza razionale, perché possiate approcciare quest’argomento veramente grande. Mettetela semplicemente così, quando entrate nella fisica interdimensionale, e questo comprende le energie di ciò che chiamate spiritualità, troverete qualcosa che non vi aspettereste: coscienza… fisica con una propensione. L’interdimensionalità del vostro centro galattico ha coscienza. Deve averla. Tutto ciò che è interdimensionale, è allineato con la creazione. Sto parlando di cose che non comprendete. Sono attributi concettualmente molto alti, a volte incredibili, che non sono mai stati affrontati in questo modo prima. Quando infrangerete il muro della logica lineare di ciò che siete soliti aspettarvi nella fisica lineare, v’imbatterete in cose che non hanno senso per i vostri preconcetti. Non avranno senso non solo perché sono in uno stato quantico, ma perché contengono qualcosa che la “coerente scienza 3D” non desidera accettare… l’intelligenza all’interno della fisica.
I due gemelli al centro della vostra galassia conducono ai due gemelli che sono nel centro di tutte le altre galassie. Milioni di galassie, miliardi di galassie. Sono tutte collegate in un modo che non potete neppure immaginare, fuori dallo spazio, fuori dal tempo, sono legate come amici che hanno una coscienza. Non il tipo d’intelligenza e coscienza che avete nel vostro cervello, no. Si tratta invece di una colla buona e intelligente che dispone l’universo con amore". Kryon 




mercoledì 13 gennaio 2016

Surpreendente! O Ser Humano Possui Três Cérebros!

 A mente humana è complexa. Podemos dizer que o cérebro vem sendo estudado de um modo tridimensional; sendo assim, a mente Humana é vista como um processo sucinto de sinapse que possibilita a nossa sobrevivência; ele nos dá intuição e acuidade mental, nos dá todas as funções coordenadas do corpo. Podemos dizer que ele dirige o barco de nossa vida. Os estudos indicavam que o cérebro era o controlador; que ele era o centro da consciência humana. Mas o conceito surpreendente aqui é que não existe um cérebro único dentro do Ser Humano mas sim, três.

Uma Ilustração Metafórica 
Conhecemos muito bem um computador, e suas operações para nós hoje, è uma coisa normal. Mas vamos fazer de conta que alguém chegue do passado, de apenas 100 anos atrás, aproxime-se do computador e comece a colocá-lo em funcionamento, surpreendendo-se com o que vê. Imaginemos que você não possa comunicar-se com ele, mas somente mostrar o computador. Assim, sem explicação, sem ajuda, ele consegue ler a tela e interagir com o aparelho, a descobrir o mouse e tentar entender seu funcionamento e percebe a magia do que o aparelho pode fazer. Ele começa a apertar botões e a ver coisas inacreditáveis! “Esta caixa faz coisas que ninguém lá em casa acreditaria! O futuro é impressionante!” Ele se encanta com a imensidade de tudo aquilo. E descobre o Google, mas não tem nenhuma ideia do conceito. Ele vê o mundo ao alcance das pontas dos seus dedos, tudo numa caixa! É inebriante pensar neste poder de informação e ação.
“Credo! Não há nada que esta coisa não saiba”! Todos os idiomas do mundo estão nesta caixa. Qualquer informação que ele sempre queira saber, a respeito de qualquer coisa, está tudo nessa caixa! Tudo! Ele descobre que é um instrumento de comunicação também! Ele pode digitar uma mensagem para praticamente qualquer pessoa em qualquer lugar do mundo! “Como è possivel? Isto é surpreendente e inacreditável”!
E finalmente, ele sai dessa experiência com uma percepção sólida do que acabou de ver com seus próprios olhos!
Quando volta em sua máquina do tempo, ele mal pode esperar para contar à sua geração de 100 anos atrás o que viu – sobre a tecnologia e uma caixa que faz de tudo e se comunica com todo mundo. É como ter todas as bibliotecas do mundo, todos os idiomas, todas as enciclopédias possíveis e qualquer pergunta que você sempre quis fazer, tudo juntos numa caixinha. Ela sabe tudo sobre todos os indivíduos conhecidos por toda a História, com todos os detalhes – tudo que existe, numa só caixa – e está à disposição de todo Ser Humano. A percepção, sem nenhuma explicação, é sólida, lógica, mas imperfeita, falha.

A Conexão Oculta
“Mas você sabe que tem muito mais. Vocês veem e sabem que a “caixa” está conectada à Internet. Se desligarem o computador da rede, ele será apenas um dispositivo computacional. Ah, vocês conseguirão escrever uma carta ou fazer uma planilha com ele, mas não poderão lhe perguntar nada, porque ele não está conectado!

O que o antigo não entendeu, e não poderia nem sequer imaginar, è que existe a Rede Global - World Wide Web. Ele não viu o cabo minúsculo que estava ligado na base do computador, que lhe dava a capacidade mágica de saber tudo sobre tudo. Mesmo que tivesse visto o cabo, isto seria insignificante para a sua percepção. Para ele, a caixa fazia tudo aquilo. E ele viu!
Agora, deixem-me trazê-los de volta ao cérebro. Como Seres Humanos, a única coisa que vocês tinham para examinar como “base de comando”, era o que vocês consideram o incrível e mágico cérebro.
Vocês – como aquele personagem antigo - não sabem nada a respeito da conexão do cérebro com uma Internet multidimensional, que se encontra dentro do corpo. Como poderiam imaginar?

O Cérebro Humano
Seu cérebro é um grande e maravilhoso computador químico, sináptico. Deixem-me explicar isto melhor… Sinapse, como a definimos, é um processo ativo de sinais eletromagnéticos atravessando vias de matriz neural (vias e feixes nervosos estruturados) dentro do cérebro. Isto acontece partindo de muitas áreas de conexão para outras, à velocidade da luz. E dá a vocês a capacidade de controlar sua sobrevivência, seu corpo e seus pensamentos na terceira dimensão.


O pensamento expansivo, como vocês o entendem, é relacionado ao cérebro. Vocês olharam para o cérebro e disseram: “Esta é a área criativa. É responsável pela música, trabalhos de arte, poesia, escultura e pelo intelecto.” Mas vocês dizem isso porque nunca viram o fio elétrico de conexão.

E aqui està a grande surpresa!
O cérebro não tem nada a ver com a criação dessas coisas. Em vez disso, ele as facilita! Facilita, mas não é responsável por elas. Assim como a caixa é a estação de controle para a ‘net’, seu cérebro é a estação de controle para muito, muito mais coisas.
Essas criações parecem estar saindo apenas da caixa que é o seu cérebro. Mas não estão.
Muito do que vocês consideram criativo e/ou espiritual, está vindo da conexão entre a glândula pineal com a parte da sua consciência, que vocês chamam de Eu Superior que, por sua vez, está conectada com a Fonte Criativa. Isto inclui sua parte intuitiva, que está crescendo com sua evolução espiritual. Podem chamar do que quiserem, mas toda criatividade, invenções ou descobertas chegam a partir da conexão da Fonte Criativa com o cérebro. Muitos a usam bem, outros não. Ela se abre totalmente apenas através do livre-arbítrio, e aqueles que estão criando coisas incríveis, simplesmente estão conectados à ‘net’ – ou seja, à pineal. Entretanto, vocês consideram que isto está acontecendo dentro do cérebro, nao è?

O fio invisível que vocês não conseguem ver, a sobreposição que vocês não reconhecem dentro do cérebro, é a conexão com o lado de fora que muitos de vocês estão começando a entender e sentir. O cérebro facilita esses atributos, mas não os cria. A intuição não vem do cérebro, mas é facilitada pelo cérebro. O cérebro então ativa-a no que vocês chamam de pensamento. Vocês podem ver isto nos gráficos de termografia, junto com todas as coisas que vocês pensam que são sinapses acontecendo no cérebro, mas o cérebro está simplesmente processando o que está recebendo de algum outro lugar.
Se vocês desligarem o “fio da net”, a única coisa que o cérebro poderá fazer para vocês é mantê-los respirando e dar-lhes raciocínio de sobrevivência básica. Vocês podem fugir do tigre de Bengala para não serem devorados; podem plantar seus alimentos, ter filhos, e aprender a dirigir um carro; mas ele não poderà mais escrever música nem criar esculturas. Ele não pensarà naturalmente em Deus! Ele não analisa a si mesmo. Mas ele faz tudo isso, quando conectado.

As Três Partes  

Aqui há mais a ser considerado do que vocês pensam.
Nesta energia tridimensional, vocês só veem o único órgão que sentem que é responsável por tudo o que fazem, mas na verdade existem três partes no cérebro do Ser Humano, mas vocês só estão conscientes de duas delas. A segunda parte do cérebro do Ser Humano, que é processada pela parte sináptica (a caixa do cérebro), é a pineal. Esta é responsável pelo pensamento criativo, pela intuição e a percepção intelectual. A intuição está começando a crescer com a humanidade, e ela vem daquilo que é a inteligência inata dentro do seu corpo. Ela está ficando mais esperta e passando mais elementos para o seu cérebro processar a uma frequência e força maiores, à medida que vocês evoluem. Vocês podem dizer que a ‘net’ da sua pineal está ficando mais rápida, e estão sentindo que estão ficando mais conscientes das coisas, intuitivamente.

A ponte entre a consciência Humana e o corpo inteligente, o inato, está começando a amadurecer e crescer. Vocês estão saindo do modo de pura sobrevivência e muitos estão começando a despertar para uma verdade maior. Tudo isto está sendo aprimorado no Ser Humano e vocês poderão pensar: “O cérebro está funcionando melhor”! Mas não está. O cérebro continua cérebro e vai processar uma intuição melhor da pineal. O cérebro continua sendo um órgão de sobrevivência estelar, mas a intuição vai ficar cada vez mais forte. Sua internet espiritual está ficando mais rápida.

O Terceiro Cérebro
Já lhes dissemos antes que está havendo um mistério que envolve o coração Humano que é a terceira parte do seu cérebro. A ciência nunca entendeu por que o coração tem um campo magnético tão imenso. Ele é realmente maior do que o de qualquer órgão, inclusive do cérebro com toda a sua atividade sináptica. O coração ofusca-o de muitas formas, mas um exame do coração, de um modo corpóreo, vai dar informações que são aparentemente muito comuns; o coração simplesmente bombeia sangue num ritmo específico conforme sinais enviados pelo cérebro. Entretanto, há muito mais do que isso.
Quando a medula espinal é rompida num acidente, o coração continua a bombear. Os sinais do cérebro que supostamente controlam o tempo e o ritmo, estão desconectados. Os sinais desapareceram, entretanto o coração continua bombeando. Não só isso, mas a digestão continua, as funções do fígado continuam, o pâncreas e os outros continuam, e até a reprodução continua! Tudo sem o cérebro! Já pensaram nisso?

Existe um terceiro elemento de consciência que está centrado no coração Humano. Vocês têm identificado metaforicamente o coração como o símbolo do amor, e estão certos. Estas três partes da consciência Humana vão muito além do cérebro como órgão. É a trilogia da sobrevivência. É também representada pelas três energias que vocês veem em todo lugar na história espiritual. São os três cavalos que puxavam a carruagem da ascensão, a Merkabah de Elias; é a Santíssima Trindade de muitas Igrejas (Pai, Filho e Espírito Santo). No seu corpo é a pineal (intuição criadora), o cérebro (sobrevivência) e o coração (compaixão).

Os mestres deste planeta tinham todos esses três trabalhando bem. Na energia antiga, vocês viviam apenas no modo sobrevivência. O que está ocorrendo é que vocês estão evoluindo, e a inteligência inata do corpo está ficando mais forte. O DNA está começando a ficar mais eficiente, e estas partes finalmente estão começando a se conectar. O que separa um Ser Humano de um Mestre é a compaixão intuitiva. A compaixão é gerada pelo coração e isto não é uma metáfora. Ela faz parte do coração-cérebro.

Há coisas acontecendo nessa trilogia que vocês deveriam entender. Liguem os pontos e comecem a usar a ciência para descobrir e reconhecer que existem coisas que não são visíveis em nenhum espectro que vocês possam medir no momento. Mas o fato de vocês estarem cegos a elas neste momento não significa que elas não estejam acontecendo. Vocês simplesmente ainda não descobriram tudo, mas o avanço da física multidimensional vai ajudar. Ouçam, conforme as novas invenções da física chegarem a vocês, é importante que envolvam a biologia também! Não separem as duas ciências (como estão fazendo agora). Vocês terão uma ideia muito melhor da verdade de tudo isto, quando conseguirem mapear quanticamente as emoções, o pensamento e o comportamento Humanos. Tudo se apresentará imediatamente.

O cérebro é responsável por facilitar (coordenar) todas as três partes, mas saibam que as outras duas estão fazendo grande parte do trabalho. A intuição e a compaixão sempre vão lhes dar a impressão de que estão vindo direto do cérebro, exatamente como aconteceu com o homem que veio do passado, quando viu a mágica sair da caixa. Conectem-se com o quadro maior, queridos. A tríade da consciência Humana é o início da realização da maestria.
Isto é uma coisa para vocês digerirem dentro da sua lógica e espiritualidade. Pensem sobre isto e perguntem à sua própria intuição: “Isto é verdade? É realmente possível que o cérebro seja apenas o facilitador de algo maior?” Esta informação começa a explicar algumas avaliações que vocês nunca conseguiram explicar antes com as crenças biológicas convencionais. Começa a explicar por que o Ser Humano toma certas decisões e de repente o cérebro parece controlar melhor o corpo. Por que a saúde do corpo pode mudar repentinamente? Como o corpo pode curar a si mesmo, pedir outros tipos de alimentos, e ter uma sabedoria biológica? O que causa a remissão espontânea? Queridos, se não estivessem conectados com a Fonte Criadora, vocês não teriam nada disto. Pensem: não foi o cérebro que deu qualquer uma dessas coisas para vocês. O cérebro simplesmente facilitou a conexão daquele pequeno fio – a Fonte Criativa.

Estava na hora de conhecerem o quadro maior da tríade, a trilogia da criação no interior do Ser Humano." Kryon
O INATO É RESPONSÁVEL PELAS REMISSÕES ESPONTÂNEAS! Como isso è possível? Leia no Capítulo VI 

lunedì 4 gennaio 2016

L’uso di un linguaggio Interdimensionale sarebbe possibile a un comune mortale?


MOLTO CURIOSO!

Esiste un Laboratorio Interdimensional per aiutare le persone a sviluppare le proprie sensibilità percettive.
Se tratta del Laboratorio Interdimensionale o Laboratorio InterD, com’è chiamato, ed è un settore della ricerca dove persone con sensibilità percettiva, ricevono spiegazioni e riescono a comprendere coerentemente il loro processo oltre il visibile.
L'obiettivo del laboratorio InterD è di insegnare al numero più grande possibile di persone a usare queste capacità per costruire una nuova visione della realtà apparente. Si propongono, anche, a sviluppare una visione che possa arrivare oltre la paura e le credenze religiose a fine di aiutare in modo coerente ed evolutivo i processi di crescita dell’umanità. I ricercatori o Mover's Interdimensionali si riuniscono in gruppi di ricerca e sviluppo percettivo, e lavorano anche direttamente con il pubblico cercando di portare le persone a contatto con una parte di se stessi che non è visibile.

La coscienza Umana è complessa. Questo perché non segue i modelli della fisica lineare nota e nemmeno i modelli della fisica quantistica. La coscienza è un’energia sincronizzata con una struttura. Si presenta secondo un modello quantico, ma non secondo regole logiche. Viene, invece, influenzata dall’Akasha individuale dell’Essere Umano. È complicata, ed è la sola energia sincronizzata e coerente nota per avere un suo specifico piano, una sua personalità e la capacità di comunicare. E’, quindi, lo studio di una “fisica vivente”.
Tentare di descrivere le comunicazioni da e verso questa “fisica vivente” va oltre i limiti di ogni scienza conosciuta. Vi sfida a pensare in modo diverso su tutto. Riconosciamo, dunque, che siete capaci di una comunicazione multidimensionale e che tuttavia potreste non accorgervene.

Questa non è una lingua di parole e non è lineare.
“C’è una grande differenza tra la comunicazione lineare e quella non-lineare. Vorrei che per un attimo immaginaste di possedere una macchina da scrivere molto vecchia. Quel tipo in cui si doveva inserire il foglio e aveva un nastro inchiostrato per stampare le lettere che erano impresse sul foglio. Quando battevate i tasti delle lettere, la macchina creava una traccia visibile sul foglio grazie al nastro inchiostrato, una lettera dopo l’altra. Ecco che le lettere formano le parole, poi le frasi e infine i paragrafi, formando agglomerati di pensiero. Questa è una comunicazione lineare, ed è per voi la norma. Questa è la comunicazione Umana, ed è così che funziona il vostro cervello. La comunicazione non-lineare sarebbe, invece, quel che segue. Supponete che la macchina da scrivere sia bloccata tanto che potete dattilografare tutto il giorno senza che il carrello si sposti minimamente. Non importa quante lettere digitiate, avreste sempre un solo e illeggibile segno, anzi, sarebbe solo uno sgorbio di tutte lettere e non sapresti mai cosa avete scritto.
Ora, supponete che arrivi qualcuno che ha un talento per la comunicazione non-lineare. Guarda lo sgorbio e vede chiaramente tutto il messaggio! Capirebbe il pensiero nel messaggio e sarebbe capace di vedere dentro lo sgorbio perché è una persona concettuale e non-lineare. Le lettere e le frasi sono sempre lì. Le avete dattiloscritte voi. Ma non si presentano in forma lineare. Il comunicatore non-lineare vedendo lo sgorbio, percepisce l’intero concetto di quel messaggio.
Qui c’è un attributo difficile a descriversi. È fuori dalla logica che usate. Quando la persona concettuale e non-lineare guarda lo sgorbio, osserva qualcosa che già esiste: il messaggio che era stato dattiloscritto. Quindi non sta mettendo insieme qualcosa o tirando a indovinare; piuttosto, sta semplicemente leggendo qualcosa che già esiste in modo non-lineare. Il messaggio è scritto e tutte le lettere anche, seppur stranamente in un unico sgorbio, ma esso è dato nel vostro tempo reale”.

Ma c’è davvero qualcuno capace di questa vicenda che non sia un mago?
E’ veramente possibile che un comune mortale possa pensare e agire in forma interdimensionale? Quanti passaggi ci servirebbero in questo processo?

“La chiave per aprire questa possibilità è denominata “La Terza Lingua” ed essa non proviene dai pensieri razionali o dalle parole vocalizzate, ma rappresenta la connessione costante dell’umano con la sua controparte spirituale.
Come si spiegano le multi-dimensioni a un Essere Umano 4D? Come spiegare il colore rosso a una persona priva di vista dalla nascita?
Vorrei darvi la storia di un uomo di nome Pietro, presente nelle scritture e che è successo sul mare di Galilea, ha più di 2000 anni, Alcuni affermano che questa storia è vera e altri che è una metafora. La cosa non ha importanza, perché il suo insegnamento spirituale è profondo e vero, a prescindere dall’esattezza dell’evento.

Pietro aveva un maestro. Nel bel mezzo della storia, c’è Pietro con i suoi amici in una barca che desiderava poter raggiungere il maestro che si trovava sulla spiaggia. Ed era contrariato, il discepolo Pietro. Voleva che fosse il suo maestro a raggiungerlo. Immaginiamo il maestro dire: Pietro, non preoccuparti. Guardami.  E il maestro comincia a camminare sull’acqua.  Pietro sente che può farlo anche lui, ma ha bisogno di un’autorizzazione. Chiede al maestro: “Dimmi di venire da te”. Il maestro guarda Pietro negli occhi e dice: “Pietro, puoi farlo. Vieni da me!” E Pietro lo fa! Si focalizza sul suo maestro e, secondo la storia, fa dei passi, sfida la realtà 4D e cammina sull’acqua, proprio come il suo maestro. Poi, accade una cosa interessante. Pietro guarda in basso e comincia a intellettualizzare. Dice a se stesso, “Non dovrei essere capace di farlo! Non mi hanno dato le regole.” E così Pietro comincia ad affondare.

Sospendiamo la storia per un momento e parliamo di Pietro in generale. Vediamo Pietro che guarda il suo maestro camminare sull’acqua, e viene incoraggiato a fare lo stesso. Ha fiducia nel suo maestro, così sente che può farlo. Ma riuscite a sentire la mente di Pietro al lavoro? "Sai, non ho un manuale per questo. Caro Maestro, quanti passaggi ci sono in questo processo prima di arrivare a trasformare la fisica così? Che cosa dovrò fare, spiritualmente? Quali regole ci stanno dietro? Penso che dovrei saperlo prima di mettere un piede fuori sull’acqua". 
Pietro ha fede, però, e quando fa il primo passo, sente nel suo piede il caratteristico formicolio di quando una dimensione incontra l’altra - quando la fisica di una dimensione incontra la fisica di un’altra dimensione attraverso la creazione spirituale di un Umano... e il suo piede comincia a formicolare.

Ora, avete forse sentito Pietro dire: "Caro Maestro, devo fermarmi un momento e farti alcune domande. Voglio sapere del dispiegamento della fase atomica nel differenziale temporale qui sul mio piede. E’ o non è normale sentire questo formicolio? Non potrei fare prima un po' di pratica a terra? Devo tornare indietro o devo andare avanti? Puoi darmi qualche informazione, per favore?" 
No, non avete sentito Pietro parlare così. Lo ha semplicemente fatto.

Pietro non aveva bisogno di un manuale. Non aveva bisogno di avere delle regole, quel giorno. Non era un avvenimento lineare o secondo delle procedure, perché ciò che stava facendo era interdimensionale. A Pietro fu chiesto di fare qualcosa che fanno gli sciamani. A Pietro fu detto che tutto ciò che doveva fare era focalizzarsi sul maestro davanti a lui e dentro di lui. Non doveva pensarci sopra, ma farlo solamente! E questa è la verità.

Dentro le azioni di questa parabola le istruzioni per il suo discepolo Umano sono: “Fallo e basta.” Nessun riscaldamento... nessun manuale, nessuna istruzione lineare. Oh, non estrapolatelo dal contesto! Non paragonarci ai maestri del passato, o anche a Pietro. E non pensate neppure che tutto quello che dobbiate fare è “nulla”. Affatto!
Ci sarà sempre chi intellettualizzerà tutto e dirà che “poiché non esistono delle regole lineari e non c’è una sequela di esercizi complicati, la cosa non è valida!”. E noi diciamo: come potete mettere in discussione ciò che sentite dentro di voi? Come potete mettere in discussione una vita che è stata guarita? Non si può. Come potete discutere quando state camminando sull’acqua? Non potete. Si tratta di cose non lineari. Voi siete una parte della Fonte Creatrice e di uno stupendo sistema... ognuno di voi. Se vi dicessi “devi saper camminare prima di poter correre”, comprendereste che è semplice buon senso. Anche il processo di comprensione delle verità spirituali rientra in un processo di evoluzione di percezione spirituale. Non vi serve conoscere tutti i dettagli di una cosa per usarla o percepirla. Altrimenti, non tutti sarebbero capaci di sedersi al volante di una macchina e farla partire.

Ma Come si fa?
L’anima Umana fa parte di un’energia multidimensionale e non è a sé stante. Non è neppure attaccata a un solo corpo. Può dividersi ed essere in molti posti contemporaneamente. In alcuni sistemi di credenza, è chiamata il “Sé Superiore”, e rappresenta una vera energia quantica. Il Sé Superiore non è qualcosa che sta sopra di te, ma che, piuttosto, ha una vibrazione superiore a quella del tuo sé corporeo. Usate il vostro strumento del discernimento divino, e non uno tirato fuori da qualche libro di storia.

C’è un elemento della mente non-lineare che dovreste studiare: lo chiamate autismo. Ci sono molti Esseri Umani autistici che potrebbero dirvi in quale giorno della settimana cade un certo giorno del mese di un certo anno. Se chiedeste a quelle persone: «In quale giorno della settimana cade il 15 di maggio del 2035?», molte di loro vi risponderebbero immediatamente. La maggior parte degli Umani resta attonita, di fronte a queste apparenti imprese computazionali. La verità, invece, è che il calcolo non vi ha nulla a che fare. Vedete, non c’è una formula e non è matematica. La risposta già esiste, quindi è conosciuta. Potete avere questa informazione da qualunque personal computer con un calendario, perché già esiste. È un concetto già pensato, prodotto e immagazzinato.

È così che funziona la mente non-lineare. Molti che hanno una mente autistica sono in grado di trarre queste informazioni quasi all’istante perché vedono il concetto. Non stanno calcolando. Ora conoscete la differenza tra lineare e non-lineare. La mente autistica è foriera di cose future, e la difficoltà qui nasce dall’incapacità che essa ha di operare in un mondo lineare”.